Gli studenti di Monopoli in cattedra per un giorno

Cobat insieme all’amministrazione locale e a Legambiente, hanno incontrato i ragazzi della scuola ‘Alessandro Volta’ di Monopoli per parlare di salvaguardia del territorio e di riciclo. La scuola ha presentato i lavori realizzati per il Concorso Nazionale ‘Uso e Riuso’.


Monopoli, 4 giugno 2012. Gli studenti dell’Istituto Alessandro Volta hanno vestito i panni di professori di educazione ambientale davanti a una classe d’eccezione: il Sindaco di Monopoli Emilio Romani, l’Assessore all’Ambiente del Comune Antonio Rotondo, per Legambiente Puglia Monica Ricco e Cobat.

La scuola ha presentato il lavoro realizzato per il Concorso Nazionale ‘Uso e Riuso: consumi e rifiuti nella testimonianza delle generazioni’ promosso da Cobat, Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, in collaborazione con i Ministeri dell’Ambiente e dell’Istruzione e patrocinato dal Segretariato Sociale della RAI.
Il concorso ‘Uso e Riuso’
, rivolto agli studenti degli Istituti Secondari di I Grado di tutta Italia, prevede che i ragazzi raccontino, attraverso un filmato, come si è evoluto il rapporto tra l’uomo e i suoi rifiuti nel corso delle ultime tre generazioni. All’iniziativa ha aderito con entusiasmo anche la scuola ‘Alessandro Volta’, i cui studenti hanno avuto l’opportunità di fare un punto sul lavoro svolto e di affrontare argomenti delicati quali la tutela del proprio territorio e l’importanza del riciclo dei rifiuti pericolosi con importanti interlocutori. ‘Il nostro impegno è massimo – spiega il Sindaco Emilio Romano - e la consapevolezza ambientale dei futuri cittadini, così coltivata da enti come il Cobat, è un sostegno molto forte per la missione di tutela del nostro territorio. Grazie a questi presupposti siamo ottimisti anche sulla buona riuscita del nostro nuovo progetto Porta A Porta Spinta’. Monica Ricco ha sottolineato come ‘l’esperienza pluriennale di Legambiente accompagna con entusiasmo le attività di Cobat con il quale condivide gli stessi valori (rifiuti, salute, ambiente ed economia) e che insieme partecipano a un ciclo virtuoso che parte dagli ‘attori’ della società civile e coinvolge insegnanti, studenti e famiglie’.

Secondo il Presidente di Cobat, Giancarlo Morandi ‘Il concorso che riguarda oltre 7.000 scuole intende educare alla conoscenza ambientale e smuovere la coscienza della gente perché con la cittadinanza responsabile di domani potremo risolvere i nostri problemi’.

I filmati che risulteranno vincitori a livello regionale si aggiudicheranno un totale di 40 premi sotto forma di saldo di fatture d’acquisto e potranno concorrere a livello nazionale per l’aggiudicazione di ulteriori 5 premi, per un montepremi complessivo di 500 mila euro.
Tutti i filmati pervenuti saranno pubblicati online sulla web tv di Cobat, all’indirizzo www.cobat.tv. Sul sito www.usoeriuso.it sono disponibili tutte le informazioni sul concorso.